Come funziona Projectwise?

Autore; Zecchin Annamaria – CAD Connect – Bentley Qualified Trainer 

La scelta di affidarsi ad un sistema di gestione documentale nel settore dell’ingegneria e delle costruzioni è un passo che non sempre viene fatto in modo consapevole e informato ed è una delle scelte che più spesso genera conflitti.
L’intento di questo articolo è di divulgare ad un pubblico sempre più ampio le conoscenze di base per comprendere potenzialità e possibili applicazioni di un gestore documentale all’interno della propria realtà aziendale e nello specifico perché Bentley Projectwise potrebbe essere una scelta vincente.

Il nostro obiettivo infatti è quello di far comprendere a tutti coloro che non lo conoscono, ma anche a chi ne ha sentito parlare ma non ha mai avuto la possibilità di approfondire, quali benefici Projectwise potrebbe generare grazie all’implementazione e alla standardizzazione delle procedure che questo gestore documentale introduce in quelle realtà che si occupano di progettazione in tutti i settori produttivi, dall’architettura alle infrastrutture, dall’oil&gas ai servizi sul territorio.

Dal punto di vista tecnico l’intenzione sarà quella di descrivere come la maggior parte delle necessità, per cui si richiede un sistema di gestione documentale, si traducano in funzionalità e servizi in Projectwise.

Per approfondire il tema è possibile vedere i webinar ON DEMAND dedicati a  ProjectWise  “Collaborazione semplificata per la progettazione aziendale”  Clicca qui per richiedere i webinar ON DEMAND

Il cuore di Projectwise è ciò che viene chiamato DESIGN INTEGRATION che costituisce il nucleo del “Common Data Environment” (CDE)
Grazie alla gestione ottimale delle informazioni e dei dati gli utenti possono ottimizzare i tempi ed evitare la necessità di eccessive rilavorazioni dei file; grazie al singolo sistema di conservazione dei dati tutti possono accedere in modo controllato alle informazioni, tracciare le modifiche, mantenere lo storico e delle attività e le revisioni dei file in modo dettagliato.

Projectwise, in questi ultimi anni, è stato apprezzato soprattutto per la sua vocazione al worksharing, da sempre punto di forza della soluzione, ma che in tempi di pandemia si è rivelata ulteriormente essenziale per coordinare e far collaborare i vari team di lavoro distribuiti, ulteriormente ramificati e delocalizzati.

L’esigenza di distribuire i dati in sicurezza è diventata ancora più importante, così come la necessità di utilizzarli ed elaborarli per mantenere costante il livello di efficienza e produttività, anche nelle situazioni critiche che viviamo in questi anni.

Integrazione con le più diffuse applicazioni dedicate all’ingegneria e alla progettazione

Un’altra prerogativa di Projectwise è la stretta integrazione con le più diffuse applicazioni dedicate all’ingegneria e alla progettazione. Questa integrazione multi-vendor, associata all’automazione dei flussi di lavoro per i progetti orientati al BIM, focalizza l’attenzione sulle fasi di produzione e consegna degli elaborati, rese più fluide ed organizzate e sempre conformi agli standard BIM se viene richiesta questa metodologia.

Oltre Projectwise

Utilizzare Projectwise non si limita ad attingere ad un CDE, che già di per se potrebbe essere un notevole vantaggio, ma comporta anche avere accesso a Projectwise 365, il portale di servizi in Cloud pensato per estendere la “collaborazione digitale” a valle del team di lavoro. Ciò significa estendere agli stakeholder e ai fornitori l’accesso alle informazioni a loro dedicate.

Questi servizi permettono di semplificare i workflow e gestire lo scambio di informazioni, come gli RFI, rimanendo sempre nel proprio CDE, riducendo il numero di sistemi di trasmissione coinvolti, fornendo alle aziende la possibilità di ridurre tempi, rischi ed aumentare le performance dei progetti.

La partnership tra Projectwise e Microsoft permette di semplificare l’ambiente di lavoro lato IT, per cui le aziende possono beneficiare della massima integrazione tra i sistemi.

Projectwise 365 sfrutta i servizi Microsoft Azure per rendere disponibili gli strumenti di editing grazie a Office 365 oppure se consideriamo le analisi statistiche o Insight, esse sfruttano la tecnologia Power BI; il tutto si concretizza nell’avere a disposizione molteplici servizi in una singola schermata del PC per avere il progetto sempre sotto controllo grazie a Projectwise e ai servizi di Projectwise 365 che attingono sempre e solo al “Common Data Enviroment” come unica risorsa comune.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email