Ponte San Giorgio di Genova: grazie a Synchro, il BIM si lega al 4D nel progetto del nuovo ponte

Nell’ultimo articolo abbiamo illustrato l’importanza dell’essere digitali, ribadendo come Il Digital Twin o “Gemello Digitale” è un concetto divenuto ora parte integrante della progettazione e della realizzazione ottimale di impianti e infrastrutture e apporta il suo valore aggiunto anche oltre la fase del progetto e nell’esercizio nel ciclo di vita dell’asset, dando un impulso di crescita notevole a tutto il comparto.

In questo articolo proseguiamo nell’individuare come grazie a Synchro, il BIM si lega al 4D nel progetto del nuovo ponte San Giorgio di Genova

Next generation: BIM 5D

Fortunatamente l’avvento dei servizi cloud offre anche la capacità di trasformare i flussi di lavoro di costruzione, grazie alla possibilità di creare, gestire e condividere in tempo reale i dati provenienti da attività come l’ispezione, il rilievo e l’esercizio delle infrastrutture.

Purtroppo, gran parte del settore lavora ancora solo in un ambiente BIM di livello 1 creando e condividendo modelli 3D disciplinari individuali e disegni 2D, senza utilizzare un processo di collaborazione.  Molto pochi sono gli esempi attuati in Italia in questo senso. Uno di questi è rappresentato dall’esperienza virtuosa di Italferr per la progettazione del nuovo Ponte San Giorgio di Genova.

Ma cosa significa BIM 4D?

Quello che McKinsey chiama 5D BIM fa leva su una rappresentazione digitale 3D delle dimensioni fisiche e spaziali di un progetto e aggiunge livelli di pianificazione e costi, solitamente indicati come 4D e 5D. 

Grazie a Synchro è possibile associare automaticamente il modello BIM alla pianificazione temporale, aggiornando il programma di costruzione in 4D in pochi minuti.

Synchro è l’applicazione di pianificazione e simulazione 4D per i progetti di costruzione che mette a disposizione un ambiente digitale visivo e interattivo, consentendo la validazione del piano del progetto, già molto prima di iniziare i lavori in cantiere.

Il digital twin 4D dei progetti di costruzione

La pianificazione 4D migliora sicurezza, affidabilità, prevedibilità e qualità dei progetti di costruzione complessi e consente di risparmiare, evitando numerose rilavorazioni e identificando in anticipo i problemi di pianificazione. Gli aggiornamenti in tempo reale sul modello 4D consentono di generare una rappresentazione digitale e visiva dello stato di avanzamento del progetto, migliorando la comunicazione e la produttività grazie alle dashboards condivise e al riutilizzo dei dati nei flussi di lavoro digitali. Tutti i dati sono accessibili tramite app o browser Web, attraverso la migliore tecnologia cloud disponibile sul mercato e pertanto tutto il personale può accedere alle informazioni di cui ha bisogno, sempre e ovunque. E’ possibile visualizzare e registrare lo stato delle attività, tenere traccia ed evidenziare i problemi, sincronizzarli ai modelli, ai dashboard e alle mappe, con evidenti vantaggi.

Attraverso una gestione completa delle risorse è possibile ridurre la variabilità dei costi ed esaminare il quadro di monitoraggio delle quantità installate rispetto a quelle pianificate, valutando il valore aggiunto per il progetto e le società appaltatrici o i percorsi critici. In termini di gestione del progetto, è possibile monitorare le riunioni di revisione dello stato di avanzamento utilizzando il modello 4D come hub centrale di informazioni per rendere più chiaro, collaborativo e produttivo il processo decisionale e di pianificazione con tutte le parti interessate.

Grazie ai report visivi e predittivi che identificano attività, aree di lavoro e apparecchiature, è possibili ridurre le varianti nella pianificazione e visualizzare l’elenco delle attività in base alla società appaltatrice o al pacchetto di lavoro. Lo strumento è inoltre fondamentale per eseguire l’analisi dinamica di coordinamento spaziale per identificare le sovrapposizioni nell’area di lavoro, i rischi legati alle gru a ponte e i ritardi dovuti a potenziali ostacoli. Cicli di feedback digitale in tempo reale tra il cantiere e gli uffici sono inoltre sempre disponibili per migliorare il monitoraggio della produttività e individuare in ogni momento la posizione del personale sul posto.

L’implementazione di questo ambiente, basato su un database transazionale in tempo reale e un’interfaccia API (Application Program Interface) aperta eseguita nel cloud di Microsoft Azure, apre le porte alla partecipazione totale della catena di fornitura.

Webinar: Synchro la pianificazione BIM 4D

SCARICA IL NUOVO EBOOK

Scopri i 30 maggiori casi di successo di tutto il mondo con ContextCapture

Articoli correlati

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email